lunedì 16 febbraio 2009

Foto e non foto

Il mio hobby principale è la fotografia amatoriale, la stragrande maggioranza delle mie foto sono mal riuscite , nel mucchio c'è qualche scatto degno di nota.
La macchina fotografica, anzi le macchine fotografiche, sono sempre con me dato che trovo entusiasmante ogni angolo o scorcio che risalta ai miei occhi. Anni fa riuscii a comprarmi una macchina semiseria per dar sfogo alla mia creatività, da allora ho scattato piu' di 10.000 foto . Sulla tecnica fotografica ho ancora molto da imparare, mentre sul piano tecnico informatico relativo alla fotografia in questi anni di scatti continui dico la mia con cognizione di causa.
La modalità di scatto da me preferita è la modalità RAW, cioè a dire le mie foto sono memorizzate sulla scheda di memoria come dati grezzi, cioè così come catturate dal sensore della macchina fotografica, per arrivare alla foto usuale occorre procedere ad un lavoro di post-produzione , affinando (come in una camera oscura) i parametri di bilanciamento del bianco, valori di esposizione, luminosità e contrasto per citare solo alcuni.
Questo solo per spiegare che la foto così come è memorizzata sulla scheda di memoria non è visualizzabile se non con un apposito programma (i così detti plug-in dei software piu' conosciuti per il trattamento delle immagini).
Domenica 9 febbraio us. al solito sono con la mia macchina fotografica a fare un pò di scatti , ma mi accorgo , con disappunto , che c'è qualcosa che non và, non riesco a memorizzare le foto .
Dispiaciuto rimando a sera un analisi piu' dettagliata.
Piu' tardi rientrato in casa passo a fare degli scatti per controllarne il corretto funzionamento.
La foto riportata all'inizio del post è l'ultimo di tali scatti effettuato in casa , l'ombra in primo piano non altro che una scaffalatura dove sono poggiati oggetti alla rinfusa.
Dai dati EXIF di tale foto (che per i profani ricordo sono i dati di targa della foto stessa, cioè sono le caratteristiche riportate all'interno del file stesso) si puo' rilevare tra gli altri il particolare del DateTime : 2009:02:08 21:30:22.
Tranquillizzato sulla corretta funzionalità ripongo il tutto nella solita custodia, spengo e dopo un po' vado a dormire.
Nel corso della settimana non uso la macchina, ma la domenica successiva, accendendo e controllando nel monitor della stessa le foto presenti ( un controllo che faccio sempre prima di formattare la scheda di memoria per cancellare le foto già archiviate) mi accorgo che c'è una foto che non ricordo di aver fatto, e soprattutto una foto che non ha particolari a me conosciuti.
Scarico il tutto su PC , e analizzo la stessa.
E' una foto nella solita modalità RAW, è sgranata e tutt'altro che nitida, divisa quasi in due in un area di esposizione chiara e un area di esposizione scura. Si nota nettamente una specie di tavolo su cui è poggiato un notebook , con su una scatola di un qualcosa che dovrebbe essere un modem di ALICE (ma che non corrisponde a nessuna confezione commerciale a me nota) , il volto di un bimbo che ride . Al di sotto nell'area scura si nota tra le altre cose il volto di quello che dovrebbe essere una fattezza con un accenno di sorriso.
Analizzo i dati EXIF e con mia somma sorpresa trovo DateTime: 2009:02:08 23:15:07


A questo punto ognuno puo' fare le proprie considerazioni , rimane il fatto che indubbiamente io sono sicuro di :

1) la foto non è scattata in nessun ambiente a me conosciuto
2) l'orario è indiscutibilmente l'orario che mi vedeva placidemente addormentato
3) la macchina causa delle prove svolte in precedenza era sicuramente spenta e richiusa nel suo fodero
4) le due foto sono indiscutibilmente sequenziali perchè il contatore automatico della macchina assegna alla prima _MG_7971 e alla seconda _MG_7972
5) io non ho scattato la seconda sicuramente, e non saprei in ogni caso la locazione della scena.
P.S.: Ulteriori elementi e possibile spiegazione
6) tempo di otturazione 1/100 sec. f:4,5 zoom: 90 mm.
in effetti la macchina è sempre in custodia con il tele 90-300 inserito in posizione di riposo (90 mm.)
7) iso :100
la banda orizzontale fa pensare ad una frequenza di semiquadro di un segnale televisivo, il tempo di scatto impostato inferiore di un fattore determinante, puo' spiegare il fermo immagine sul sincronismo , il tutto porta a sopettare su in immagine televisiva.
Una panoramica delle immagini televisive a largo raggio, in quell'ora potrebbe confermare o meno quanto sospettato.
Al di là di cio' che può sembrare entità, rimane in ogni caso la constatazione che viviamo in un mondo sommerso da campi elettromagnetici.

4 commenti:

progvolution ha detto...

è folle! da brividi...
Sussurri obliqui

made ha detto...

Sconcertante ed impressionante!!!

Sabatino Di Giuliano ha detto...

anche se fosse segnale televisivo, come potrebbe un quadro fatto di migliaia di pixel, che "vaga" nell'etere sotto forma di onde elettromagnetiche ricostruirsi sul sensore cmos della tua camera? non ci sono elementi i decodifica e ricostruzione. impossibile!
e poi quell'alice li non e' il brand di telecom...
si, strano
e chiaaramente inquietante

nartek ha detto...

Saba:
mi meraviglio di te.....accidenti!!! ma come dimentichi che il sensore della mia fotocamera (come del resto anche la tua) è un 8 megapixel, sono 8 milioni di pixel per una risoluzione di 3522 x 2348, ben superiore alla risoluzione di una immagine televisiva analogica (la classica 50 Hz, (480 x 720 suddivisa in due semiquadri) ma anche rispetto alla TV digitale Full HD al max 1920 x 1080!!!
Le nostre macchine fotografiche sono ben superiori alla classica Tv perfino rispetto al DVD blue Ray...Suvvia ....:-)
Per l'impressione sul sensore non è questione di quantità di pixel che il sensore puo' ospitare benissimo, semmai come indichi come mai l'imagine è "entrata" come decodificata?...ebbene questo è il quesito....ma non la risoluzione. La scatola Alice...non standard credo che sia si una qualche propaganda.. come dire non canonica almeno questa impressione ho.

ciaooo